top of page

Il Counseling Psicobiologico e il lutto complicato

Rischi psicofisiologici dell'esperienza traumatica del lutto


Il Counselor Psicobiologico con delicatezza, tatto, accoglienza e grande empatia accoglie chi vive un lutto.


Cosa si intende per lutto?

La definizione di lutto come premessa fondamentale.

Il lutto è lo stato emotivo di dolore che si prova per una perdita e tale definizione riprende quella proposta da Freud più di un secolo fa nel suo testo "Lutto e melanconia": insieme di reazioni emotive e affettive a una esperienza di perdita.


Secondo una teorizzazione più recente, di John Bowlby, nella perdita di una figura di attaccamento si individua un evento che attiva un'angoscia intensa e pervasiva definita "separation distress". Il soggetto sperimenta l'idea di impossibilità di ottenere un senso di sicurezza e amore senza la persona di attaccamento persa.


Secondo Bowlby (1980) quattro sono le fasi del processo di separation distress: stordimento (rifiuto emotivo della notizia); struggimento (dirompente tristezza con possibili successive o concomitanti esplosioni di rabbia); disorganizzazione (revisione della realtà con reazioni di apatia, depressione umorale, isolamento); riorganizzazione (costruzione di un nuovo modello di vita che include l'assenza).


Il lutto può scaturire da una morte ma anche da una separazione, un abbandono, un divorzio, un rifiuto personale, insomma da situazioni che nulla hanno a che vedere con l'evento fine vita - decesso ma che determinano comunque una perdita cocente, un distacco di una figura di attaccamento.


Chi giunge in Counseling Psicobiologico in situazione di perdita per la morte di una persona cara ovvero per una separazione, un distacco, un abbandono, un tradimento - provocato o subito - vive il proprio lutto e lo porta al Counselor come un grido di dolore per la incapacità di affrontarlo, sostenerlo, viverlo.

Quindi lutto = qualsiasi forma di perdita.


Il lutto quindi è una reazione sia a qualsiasi forma di perdita di una persona cara, sia a qualsiasi altra forma di perdita. Infatti il dolore del lutto può essere vissuto in una vasta gamma di situazioni. Un'elencazione indicativa:

  • morte di una persona cara

  • morte di un animale domestico

  • dissoluzione di un matrimonio

  • dissoluzione di una coppia di fatto

  • rottura di un rapporto

  • qualsiasi altro tipo di perdita significativa.

L'esperienza traumatica del lutto: stress e rischi psicofisiologico

La perdita, bereavement, di una creatura con cui si è stabilito un profondo legame d'affetto, è uno degli eventi spesso inattesi che possono causare un forte stress psicofisiologico.


I sentimenti di nostalgia e tristezza si accompagnano con una serie di risposte dell'organismo neurovegetative e neuroendocrine, le prime mediate dal sistema nervoso autonomo, le seconde in gran parte dall'asse ipotalamo-ipofisi-corticosurrene (asse HPA).


Si osserva una attivazione del sistema ortosimpatico e una riduzione della modulazione parasimpatica, il che si traduce in un aumento della frequenza cardiaca.


Un buon equilibrio della bilancia simpato-vagale è indice di stato di salute. Dal punto di vista neuroendocrino nel periodo acuto del lutto si è osservato un aumento di concentrazione del cortisolo nel sangue: quando questo aumento si cronicizza si possono verificare cambiamenti importanti nel ritmo circadiano del rilascio del cortisolo.


In presenza di stress cronico - con lutto complicato - il livello di cortisolo è ridotto nelle prime ore del mattino con immobilizzazione dell'energia necessaria per lo svolgimento delle attività quotidiane.


Dopo un evento emotivamente negativo la vita del soggetto è caratterizzata da pensieri intrusivi, problemi di sonno, difficoltà di concentrazione, senso di colpa e di vulnerabilità.

La presenza di questo prolungato stress psicologico può essere fonte di rischi elevati per la salute.


Qual è il compito del Counseling Psicobiologico di fronte a un lutto complicato?

Far comprendere la sofferenza, soffrire in modo non malato, affrontare e vivere le emozioni che si provano sino in fondo, sino a trovare un modo per andare avanti.

Chi è schiacciato dal dolore per la perdita che lo ha travolto e per l'avvenuto venir meno della figura di attaccamento speso nel primo impatto è smarrito e vive nella negazione, nella rabbia e nella disorganizzazione.


Egli non riesce ad emergere da queste sabbie mobili e dalla palude in cui è sprofondato sempre più. Occorre un supporto di un professionista del benessere per elaborare, capire, accettare la realtà, adattarsi alla vita senza la figura di attaccamento, mantenersi in connessione con detta figura mancante pur lasciandola andar via mentre si va avanti con la vita.


Il Counselor Psicobiologico saprà ben spiegare la normalità dei sintomi comuni scaturenti dal dolore da lutto in qualunque ordine siano comparsi: tristezza, disperazione, solitudine, senso di vuoto, senso di colpa, rimpianto, vergogna, rabbia, risentimento, ansia, impotenza, paura, insicurezza, sintomi fisici (affaticamento, nausea, perdita o aumento di peso, dolori, sudorazione notturna, palpitazioni cardiache, sensazioni di svenimento, stordimento, insonnia).


Il Counselor Psicobiologico ti aiuterà a integrare la realtà della perdita vissuta andando avanti, aiutandoti a mantenere un legame salubre con la creatura amata persa.

  • Il processo di Counseling Psicobiologico del lutto per adulti

  • Elaborare la storia dell'evento morte.

  • Impegnarsi per una rielaborazione curativa della perdita.

  • Creare uno spazio sicuro in cui aprirsi, provare fiducia, in modo da comunicare efficacemente la storia vissuta.

  • Accedere alla storia della relazione senza omissioni.

  • Mantenere una connessione con la creatura venuta a mancare mentre si va avanti con la vita.

Si ha quindi un percorso focalizzato sull'assistenza del Cliente che si trova ad affrontare situazioni stressanti quotidiane e che è alla ricerca di modi per superare gli ostacoli derivanti dal lutto. In particolare il Counseling Psicobiologico è importante per quelle persone che soffrono più del solito, che lottano senza tregua per più tempo del solito.


Se il dolore ha assunto un aspetto cronico ed interferisce col normale funzionamento della vita, del quotidiano, delle relazioni in essere, il Counselor Psicobiologico aiuta ad indirizzare le emozioni e ad andare avanti col processo di guarigione verso un cambiamento adattivo che porti benessere.


Dott.ssa Enrichetta Proverbio Counselor Psicobiologico

15 visualizzazioni0 commenti

Comentários


bottom of page