top of page

Psicobiologia: cos'è e cosa studia questa scienza

Aggiornamento: 23 mag 2022

Psicologia e biologia unite per trovare risposte alle domande poste dal comportamento umano


psicobiologia

La psicobiologia è disciplina scientifica che tende a comprendere come funziona il comportamento umano sulla base di criteri biologici.


La psicobiologia studia i fenomeni psicologici e il comportamento dal punto di vista biologico.


Quali argomenti include la psicobiologia?

Tra gli altri: l'evoluzione del cervello, il funzionamento e lo sviluppo del sistema nervoso, la comprensione dei processi sensoriali e percettivi, lo studio dei comportamenti di base quali il sesso e la riproduzione.


Quando nasce questa scienza?

Non è possibile una datazione. Si considera ruolo chiave la pubblicazione nel 1949, del testo "L'organizzazione del comportamento" di Donald Olding Hebb nell'ambito del quale egli "combinò" per la prima volta i dati provenienti dalla fisiologia del sistema nervoso con quelli relativi agli studi sul comportamento umano, a cui aggiunse la personale esperienza derivante dall'osservazione dei primati.


Sviluppò la prima teoria completa di come alcuni fenomeni psicologici complessi, quali emozioni, pensieri, ricordi, potevano essere prodotti dall'attività cerebrale.


La sua teoria perciò va oltre il dogma secondo cui il funzionamento psicologico è troppo complesso per essere risultato dell'attività fisiologica e chimica del cervello. Hebb ha basato la propria teoria su esperimenti da laboratorio su casi clinici e su argomenti logici. L'approccio eclettico è il segno distintivo della ricerca psicobiologica.


Alcuni esempi delle aree di studio più comuni in psicobiologia: i processi di sensazione e di percezione; i comportamenti che coinvolgono la motivazione quali la fame, la sete, il sesso; l'apprendimento e la memoria; il sonno e i ritmi biologici; emozioni e comportamenti aggressivi; il linguaggio; il processo decisionale; il ragionamento; le implicazioni della coscienza.


La psicobiologia ha fornito approfondimenti su molti problematiche, contribuendo al progresso di altre discipline:

  1. morbo di Parkinson: degenerazione del sistema nervoso che colpisce capacità motorie e linguaggio;

  2. malattia di Huntington: problematica neurologica ereditaria con sintomi quali movimenti anormali e mancanza di coordinazione;

  3. morbo di Alzheimer: deterioramento cognitivo;

  4. depressione clinica: declino dell'umore, perdita di interesse, diminuzione della capacità di provare piacere;

  5. schizofrenia;

  6. autismo;

  7. ansia.


Quale il rapporto tra la psicobiologia e le altre neuroscienze?

Gli psicobiologi sono scienziati che contribuiscono alla ricerca dei neuroscienziati con la loro conoscenza del comportamento e dei metodi di ricerca comportamentale dell'uomo.

È proprio questo orientamento verso lo studio del comportamento umano che rende rilevante il contributo della psicobiologia al resto delle neuroscienze (neuroanatomia, neurochimica, neuroendocrinologia, neuropatologia, neurofarmacologia e neurofisiologia).


Quali sono i tipi di ricerca psicobiologica?

Gli esperti in psicobiologia sono incaricati di studiare fenomeni psicologici con ricerca da approcci diversi.

  • Sperimentazione sul comportamento di uomini e animali - Metodo comparativo nello studio dei processi biologici: la ricerca è stata condotta su uomini che seguono le istruzioni e riportano le esperienze soggettive e su animali che evidentemente non possono né seguire istruzioni né riportare feedback. Le differenze tra il cervello umano e il cervello delle specie animali sono più quantitative che qualitative.

Gli animali hanno un sistema nervoso più semplice e quindi più facile nella rivelazione delle interazioni tra cervello e comportamento.

  • Ricerca sperimentale e osservativa: sperimenti scientifici e studi osservazionali; raccolta dei dati osservati in modo naturale. Studi sperimentali utilizzati per studiare la causalità.

  • Ricerca di base e applicata: la prima motivata principalmente dalla curiosità del ricercatore; la seconda tende a generare benefici diretti per una data popolazione.


L'approccio multidisciplinare psicobiologico è apprezzabile in quanto apre allo studio dell'attività del cervello: si supera il dogma del funzionamento esclusivamente psicologico aggiungendovi l'essenzialità dell'attività fisiologica e chimica, che non è esclusa dalla complessità del funzionamento psicologico. Quindi la multidisciplinarietà aiuta ad avere un approccio globale scientifico e obiettivo sull'attività celebrale aperta all'interno quanto all'esterno dell'essere umano.


Il Counselor Psicobiologico opera proprio sulla base di questi presupposti non prendendo in carico il problema della persona che si rivolge a lui, ma lo sensibilizza, attraverso la consapevolezza dei fondamenti complessivamente intesi inerenti l'attività celebrale - e non solo legati alla psiche - verso un motivato cambiamento adattivo finalizzato al benessere e ad una organica crescita personale.


Dott.ssa Enrichetta Proverbio Counselor Psicobiologico
27 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page